Eighteen | Rome

Non sono niente. Non sarò mai niente. Non posso volere essere niente.
A parte questo, ho in me tutti i sogni del mondo.

Ricordo, quando quel giorno, mentre il treno superava Stazione Trastevere, non riuscivo a trattenere le lacrime, i singhiozzi, e mi mancavi tanto che quasi non potevo respirare.
E adesso mi manchi, ma non piango. Non piango quasi mai, e continuo a respirare.

"Ho visto cose che
forse avete visto anche voi,
ma io mi sono meravigliata.”
— Anonimo (via unpagliacciotriste)

Tipo lei e il suo sorriso.

"Books are mirrors: you only see in them what you already have inside you.”
— ― Carlos Ruiz Zafón (via psych-quotes)

c-iglia:

le panchine sanno tutto
i baci
e le tensioni lungo le gambe

Sono del parere che è vero, nulla ritorna mai com’era. E se il tempo passa, anche i sentimenti passano. A volte maturano, altre appassiscono. Altre ancora rinascono dalle loro ceneri, come una fenice, e se non sono come prima, chi sa, forse saranno anche migliori.

"Ci si incontra per caso. Ci si perde per scelta.”
— (via lediciassetteequattrominuti)

E avremmo dovuto urlarci contro invece di stare in silenzio, per tentare di sentirci vicine quando i nostri cuori erano ormai distanti.

©